Dati principali su Creative Europe

europeDurante i suoi primi due anni (2014 – 2015), Creative Europe ha supportato 230 organizzazioni culturali e compagnie audiovisive britanniche, nonché la distribuzione cinematografica di 84 film britannici in altri paesi europei con sovvenzioni per un totale di 40 milioni di euro.
Ci sono molti benefici che Creative Europe porta alle industrie creative del Regno Unito, dallo sviluppo della capacità del settore di innovare, raggiungere un pubblico nuovo e capacità di condivisione fino alla promozione di una collaborazione e la costruzione di reti internazionali.
La partecipazione a Creative Europe non è limitata agli Stati membri dell’UE. Ci sono attualmente 11 Paesi extracomunitari che hanno partecipazione parziale o totale. Tra questi paesi dell’SEE come l’Islanda e la Norvegia, nonché i paesi vicini come la Serbia, l’Albania e – dal 2017 – Israele. È possibile visualizzare l’elenco completo sul sito EACEA. Questi Paesi devono comunque rispettare determinate norme e politiche dell’UE e pagare un contributo finanziario per poter partecipare.